Come costruire un Subwoofer per Home Theater personalizzato


In questa mia guida del FaiDaTe ti mostro come costruire da zero un Subwoofer personalizzato, adatto sopratutto per l'Home Theater e l'ascolto di musica. Ma da cosa nasce l'idea di costruire il mio Sub? Nasce per esigenza di avere qualcosa di più rispetto ad un normale prodotto commerciale. Molti dei Subwoofer che vengono venduti in commercio, sono a mio parere scadenti come qualità di costruzione, a prezzi elevati ed ingiustificati. Avendone provati alcuni mi ero reso conto di avere ragione e l'unico modo per avere qualcosa di più professionale dovevo costruirne uno tutto mio. Infatti alla fine del progetto e avendolo poi testato sul mio impianto Home Theater, posso dire di essere molto soddisfatto del risultato ottenuto. Con poche centinaia di euro si può avere un Sub di tutto rispetto, superiore alla maggioranza dei Sub commerciali e al pari se non di più di quelli che costano migliaia di euro. La resa dei bassi è eccezionale in tutti i sensi, la visione di un film acquista una realtà simile alla sala di un cinema, per non parlare delle vibrazioni durante le scene più concitate del film.  Se l'idea ti attira e vuoi costruirne uno tutto tuo, in questa mia guida potrai farlo anche tu seguendo alla lettera tutti i miei consigli. A questo punto io direi di vedere insieme tutto quello che occorre per la costruzione di un Subwoofer personalizzato.

Cosa occorre
Per costruire una cassa acustica occorre procurarsi materiali di qualità. I più utilizzati sono principalmente l'MDF e il multistratto di betulla, perfetti per la creazione di una cassa acustica. La differenza tra i due materiali sta che l'MDF è più pesante e meno costoso rispetto al multistratto. Entrami hanno comunque una resa acustica superiore al truciolato. Nel mio caso avevo optato per il multistratto di betulla, consigliato sopratutto dal mio falegname di fiducia.

Calcolo Subwoofer
Per risuonare nel modo più corretto possibile bisogna calcolare l'esatto volume in litri interno della cassa. Prima di costruire il Sub, gli aspetti più importanti che si devono considerare sono le dimensioni del woofer e la frequenza dello stesso. Su internet trovi alcuni siti o programmi che ti permettono di calcolare in modo accurato il volume in litri della cassa. Se vuoi bassi più presenti le migliori sono le casse reflex, ovvero una cassa che permette lo sfogo dello spostamento d'aria generato dal woofer. Sempre nel mio caso ho preferito una cassa reflex invece di una chiusa.

Costruzione del Subwoofer
  • Ora che abbiamo tutte le informazioni riguardanti il progetto, possiamo iniziare con la costruzione del Sub. Visto che non sono un falegname mi sono fatto tagliare i pannelli dal falegname stesso. Ecco una fotto di tutti i fogli in multistratto di betulla da 20 mm appena tagliati. Come spessore ti consiglio non meno di 20 mm.
  • Il primo pannello mostra il foro dove andrà montato il woofer, mentre sotto il pannello per lo sfiato del Sub.
  • Durante l'assemblaggio non deve mancare la colla per legno, fondamentale per legare il più possibile tutte le pareti della cassa.
  • All'interno della cassa vanno messi dei sostegni angolari per rinforzare le pareti del Sub.
  • Per dare maggiore sostegno meglio aggiungere delle viti autofilettanti.
  • Prima di chiudere completamente la cassa, all'interno si dovrà rivestire le pareti con materiale tipo filtro per cappe. Utilizza la pistola a caldo per incollare il filtro. Questo serve ad attutire le risonanze prodotte dal woofer.
  • Con la mano estendi in modo uniforme il filtro sulle pareti interne della cassa.
  • L'unica parte che non deve essere rivestita e quella del woofer.
  • Questo è il mio woofer scelto da 32 cm RCF-MB12G251 da 4 ohm e 500 Watt RMS. Acquistato per 113,50 euro da Rossini Musica.
  • A questo punto si andrà a montare il woofer con delle viti autofilettanti.
  • Sotto si vedono i quattro pedini con tanto di rivestimento in feltro.
  • Ecco lo sfiato del mio Subwoofer a cassa reflex.
  • Essendo più ordinato ho anche bloccato nel lato della parete il cavo del woofer con la pistola caldo.
  • Il Subwoofer è quasi pronto, il mio falegname di fiducia ha verniciato per intero la cassa con un nero semi lucido elegante. L'effetto finale parla da solo e sono contento del lavoro svolto.
  • Nel retro del Sub si vede il foro per il montaggio del modulo amplificatore.
  • Come modulo mi sono affidato al Monacor IMG Stage Line SAM-300D, acquistato da IGTEK ITALIA per quasi 154 euro. Questo gioiellino di classe D eroga una potenza di ben 420 Watt di picco e 300 Watt RMS a 4 ohm. L'amplificatore lavora anche con 8 ohm a 150 Watt RMS.
  • Dietro il modulo si vede tutta la componentistica dell'elettronica bene ordinata. Qualità di costruzione ben fatta.
  • Non rimane che collegare il positivo rosso e negativo nero del modulo al woofer.
  • Nella fase finale il modulo è stato montato nel retro del Subwoofer, sempre con l'ausilio di viti autofilettanti.
  • A lavoro finito ecco il mio Subwoofer posto sotto il mobile della mia TV.

Come suona il mio Subwoofer
Dopo tutto il lavoro durato una settimana tra l'attesa dei componenti ordinati e la disponibilità del falegname, finalmente ho portato il Sub nella mia postazione Home Theater. Dopo giorni di prove tra film e musica posso dire di essere molto contento del risultato ottenuto. Il Sub si regola bene grazie alle manopole presenti nel modulo Monacor. Tra le regolazioni il modulo mi permette di regolare il volume generale, la phase da 0 a 180 gradi e il taglio delle frequenze da 50 a 200 Hz. Non c'è che dire un vero mostro di potenza, se alzo il volume i bassi generati da questo Subwoofer fanno tremare la casa. Per finire la cassa mi è costata 80 euro dal falegname per un totale di circa 354 euro a Subwoofer completato. Le misure e il peso del mio Sub sono: Altezza 51 cm, larghezza 44 cm, profondità 49 cm e un peso di quasi 20 Kg.

Commenti