sabato 21 marzo 2015

Come ricavare il consumo reale di un utilizzatore elettrico utilizzando un Multimetro Digitale




In questa guida ti voglio svelare come ricavare e calcolare il reale consumo espresso in Ampere/Watt di un utilizzatore elettrico.
Per fare questo tipo di misurazione ti servirà uno strumento chiamato Multimetro o Tester digitale che sono praticamente la stessa cosa.
Questo misuratore lo puoi acquistare presso i negozi di elettro forniture, elettronica, centri commerciali e internet come eBay.
Questo utile strumento non costa molto, il suo prezzo più basso si aggira intorno ai 5/10 euro a salire.

Ovviamente mi dirai...
Che senso ha eseguire questo test se poi nell'utilizzatore elettrico abbiamo già il consumo scritto?
Ai ragione, però questa guida vuole dimostrare come il consumo dichiarato dal costruttore non sia sempre veritiero.
Ci sono anche casi come in alcuni elettrodomestici di una volta, che al posto del consumo in W=Watt si trovava la sola scritta in A=Ampere mA=Milliampere.
Oggi invece i moderni elettrodomestici e lampadine led si trovano sia i W che gli A e mA.

Prima di proseguire ti voglio spiegare in breve cosa significano le lettere:
(V - Hz- W - A - mA e AC ~ - DC-CC —)

  • = Volt Tensione
  • Hz = Frequenza
  • = Watt Consumo
  • A= Ampere Intensità
  • mA = Un millesimo di Ampere Intensità
  • AC ~ = Corrente Alternata
  • DC-CC — = Corrente Continua
Ora che ai compreso il significato di queste sigle possiamo iniziare con il test vero è proprio.

In casa abbiamo una tensione approssimativa che va dai 220V ai 240V.
Ma prima di eseguire la misura del consumo dell'utilizzatore che vogliamo testare e opportuno sapere esattamente quanti Volt passano dalla presa elettrica, in modo da fare bene i calcoli dopo.
Quindi prendi il tuo Multimetro o Tester digitale e collega uno per volta i due cavi nero e rosso nello strumento.

  • Inserisci il cavo nero nella porta nera COM e poi quello rosso nella porta rossa V.
  • Appenai ai fatto devi spostare il selettore sul simbolo V~.
  • A questo punto il Tester si accende dando un valore pari a 000 O 0000.
  • Inserisci contemporaneamente i due puntali nella presa elettrica di casa e spingi in fondo delicatamente come nell'esempio riportato sotto.
  • Ora tieni inseriti i puntali nella presa elettrica e attendi che il Tester completi la lettura fino a fermarsi.
  • Dopo qualche secondo vedrai un valore in Volt simile a questo.
  • Nel mio caso ho una tensione di 230.6 V.
  • Una volta che ai ricavato la tensione di casa tua possiamo proseguire al passo successivo.
Come puoi notare dall'immagine sotto, mi sono ingegnato e costruito una prolunga corta, dove alle due estremità ho inserito una spina e una presa bipasso.
Poi al centro della prolunga ho tagliato il cavo della fase e messo in serie il mio Multimetro HT 26 per mezzo di due Mammuth.
In questo modo sarà più semplice eseguire il test di consumo di qualsiasi utilizzatore elettrico senza il rischio di prendere la scossa.
Ricorda di non superare mai gli Ampere riportati sul Multimetro.

Prendi di nuovo il tuo Multimetro o Tester  digitale e collega i cavi nero e rosso nello strumento.

Prima di collegare l'utilizzatore alla presa elettrica devi:
  • Inserire il cavo nero nella porta nera COM e poi quello rosso nella porta rossa 10A o 20A.
  • Collega poi i due puntali rosso e nero in serie all'elettrodomestico o lampadina che vuoi testare.
  • Sposta il selettore su 10A ~  o 20A ~ e assicurati che nel display appaia il simbolo ~.
  • Ora dai corrente all'utilizzatore elettrico e aspetta che il Tester completi la sua misura.
  • Nel mio test volevo sapere il consumo reale di questa lampadina led da 4 Watt.
  • Il risultato è stato di 00.03 = 30mA.
  • Per sapere il consumo in Watt devi moltiplicare l'amperaggio per il voltaggio.
  • Esempio: 0,030 mA x 230,6 V = 6,918 W.
  • Per sapere invece l'intensità in Ampere devi dividere il wattaggio diviso il voltaggio.
  • Esempio: 6,918 / 230,6 = 0,030 mA.
  • Quindi se la matematica non è un opinione, la lampadina consuma 2,918 Watt in più rispetto a quanto dichiarato dal costruttore.
Ovviamente non è sempre così, quasi tutti gli utilizzatori elettrici consumano esattamente quello che viene dichiarato sull'etichetta.
In alcuni casi invece ci sono elettrodomestici e lampadine che consumano di meno rispetto a quanto dichiarato dal produttore.

4 commenti:

  1. Vorrei misurare il consumo del mio frigorifero, ma non vedo la foto della prolunga corta che ti sei costruito...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao, non esiste più perché l'avevo rimossa per sbaglio. Comunque la devo rimettere appena posso. Intanto costruire la prolunga è molto facile. In pratica ti serve un cavo come prolunga da un metro, e alle estremità del filo monti una presa e spina elettrica. Poi al centro del cavo devi spelli la guaina senza tagliare i fili colorati. Taglia solo un tua scelta il filo blu o marrone, ma non tutti è due insieme. Nel filo tagliato ci colleghi in serie il tester digitale.

      Elimina
    2. Grazie per la risposta tempestiva specialmente in questo periodo :) Non sono tanto pratico quindi per me una foto vale più di mille parole. Comunque mi pare di capire che con il mio tester sono fuori amperaggio dato che arriva al max a 10A mentre il mio contatore è 3kw quindi supero l'amperaggio che il mio tester può reggere, giusto? Grazie e buone feste.

      Elimina
    3. Prego e un piacere. Calcolando i 10 ampere per i 230 volt, il consumo massimo e di 2230 watt. Quindi il tuo frigo ne consumerà molto meno. Una volta che ricavi l'amperaggio con il tester, utilizzi la formula per moltiplicare gli ampere per i volt che sono 230 Volt. In questo modo ottieni il reale consumo espresso in watt.

      Elimina